Gita Valvenosta 2016

Un racconto

 Appunti di giornata.   " Valvenosta"

di Lorena

Sabato 20 Agosto Val Venosta in bici.

 Sabato 20 agosto in 32 siamo partiti in pullman verso Resia con l’intenzione di percorrere la Val Venosta, da Resia a Naturno/Merano in bici. Una bella giornata di sole con vento ci ha accolto a Resia e dopo la foto di gruppo siamo partiti, chi in velocità chi tranquillamente, alla volta del lago di Resia. Foto di rito con il simbolo di Curon, il campanile del paese sommerso per creare il bacino idroelettrico. La ciclabile prosegue verso San Valentino alla Muta con il suo lago. Il percorso in discesa transita su stradine in mezzo al bosco attraversando piccoli gruppi di case con balconi fioriti e il tutto lontano dal traffico stradale. Le mura con i suoi torrioni che cingono Glorenza, piccola cittadina di 850 abitanti, la più piccola cittadina del Tirolo e d’Italia ci accolgono. Sosta per un panino con speck e poi via di nuovo lungo la ciclabile mentre il tempo iniziava a cambiare e le prime gocce cominciavano a cadere. Sempre accompagnati dal fiume Adige siamo passati al cospetto dei castelli di Castelbello e di Juval, residenza di Messner. Ci siamo immersi nelle piantagioni di mele di tutte le qualità e colori. E attraversando il fiume Adige su pontili in legno e in leggera discesa siamo arrivati a Naturno dove c’era il pullman che ci aspettava. In tutto erano 75 km di divertente ciclabile. Una decina di rustichini invece incuranti della pioggia, hanno proseguito lungo la ciclabile per arrivare fino a Merano, dove all’ippodromo, hanno atteso l’arrivo del pullman. Per loro 88 km di ciclabile. Che dire di questo giro? Abbiamo visto posti bellissimi, castelli appesi a speroni di roccia, borghi fioriti e poi vuoi mettere sfrecciare lungo le discese spettinando e spostando con la nostra velocità chi percorreva paonazzo la ciclabile in senso inverso???? :-))) Alla prossima

Lorena

troverete foto in Gallery  Costantino